Complessità e incongruenze nelle indicazioni di “opportunità” dell’ANAC

di Luigi Oliveri

Pubblichiamo una considerazione di Luigi Oliveri riguardo la recente nota dell’ANAC che aggiunge nuove fattispecie di “inopportunità” riguardo l’attribuzione di ruoli che le disposizioni legislative definiscono obbligatori.

“La deliberazione dell’Anac appare molto discutibile e confusionaria. Ma, evidenzia un aspetto fondamentale: la presunta convivenza, nel segretario comunale che negli enti locali è il responsabile della prevenzione della corruzione, di funzioni gestionali e di funzioni di garanzia e controllo (tra le quali spicca appunto quella di rpct) è un ossimoro impossibile. Certo, la sconclusionata sentenza della Consulta aiuta a pescare nel torbido, ma la questione del ruolo dei segretari comunali non si risolve con le scorciatoie in fonti incompetenti, bensì con un ripensamento profondo. Prima, del sistema di incarico, la cui soggezione allo spoil system rende di per sé assurdo che un fiduciario dell’organo di governo possa assumere la presunta terzietà che l’Anac pretende in capo al rpct. Poi, delle funzioni. Occorre decidere: o il segretario è un gestore, o è un programmatore e coordinatore.”

(Visited 151 times, 1 visits today)
Per condividere sui social network

Potrebbero interessarti anche...