CDS. Alla Commissione giudicatrice è riconosciuta la facoltà di riesaminare il proprio giudizio

di Massimo Asaro

La Commissione giudicatrice, organo di natura prettamente tecnica, di esame e valutazione delle offerte formulate dai concorrenti nell’ambito di una gara ha anche il potere di riesame delle proprie attività e dei propri giudizi.

La sua attività si esaurisce soltanto con l’approvazione del suo operato da parte dei competenti organi dell’Amministrazione appaltante, mediante l’adozione del provvedimento di aggiudicazione. Fino a tale momento la Commissione conserva il potere di riesaminare l’operato al fine di emendarlo da eventuali errori.

Il riesame avviene su richiesta del RUP anche a seguito di contestazioni ricevute dai concorrenti.

Cons. Stato, Sez. III, sent. 28/09/2020 n. 5662 (link).

Per condividere sui social network

Potrebbero interessarti anche...